Alvise Filippo Stefani
Johann allein
in memoriam di Maria Barbara Bach


vincitore del Premio “Lorenzo da Ponte” 2019

Valutato 5.00 su 5 su base di 1 recensioni
(1 recensione del cliente)

14.00

 

Anno Domini 1720. Ritornato a Köthen dopo due mesi di assenza, Johann Sebastian Bach scopre che la moglie Maria Barbara si è ammalata ed è morta.

Ripercorrendo la vita del maestro, Stefani cerca di descrivere il comportamento di un uomo di fronte a misteri che ancor oggi affliggono il nostro presente tanatofobo, indagando le vie e i paesaggi musicali attraverso cui il giovane compositore è riuscito a esprimere il suo dolore trasfigurandolo con la sua arte e rendendo infine omaggio a Maria Barbara, lasciata troppo spesso nella penombra della morte prematura avvenuta esattamente trecento anni fa.

 

Disponibile anche in formato digitale: PDFEPUB

 

 

Autore:
Titolo Johann allein In memoriam di Maria Barbara Bach
anno pubblicazione 2020
dimensioni 14 x 21 cm
numero di pagine 120
ISBN 9788896988664
Category:

COD: TALIA_07

Alvise Filippo Stefani

Nato nel 1994 a Treviso, si è laureato in Lettere Classiche a Venezia con specializzazione in Filologia e Letteratura Italiana. Attualmente si sta perfezionando presso l’Indiana University (Bloomington, IN). Accanto agli studi letterari sta portando avanti lo studio del violino; ha collaborato con orchestre giovanili e da camera e ha partecipato a masterclass.

  1. Valutato 5 su 5

    danillo

    Originale per titolo e trama il libro di Alvise Filippo Stefani si legge volentieri e tutto d’un fiato.
    L‘autore ci accompagna dalla opprimente angoscia di Johann quando entra nella casa vuota senza Maria Barbara alla serena accettazione della solitudine, con un percorso che si snoda tra paesaggi della Sassonia, vita quotidiana del Cantor, creatività musicale e visioni degne dell’Apocalisse.
    Siamo profondamente coinvolti: soffriamo il caldo di quell’estate , ascoltiamo l’”organo pleno” di Buxtehude, viviamo la tenera e complice passione di due giovani innamorati.
    Lo stile è ricco e accattivante, a volte vittima di un autocompiacimento quasi narcisistico, favorito dall’uso di qualche termine un po’ “tecnico” (opportunamente descritto in un Glossario). Il testo fluisce con linearità e piacevolezza, tra immagini quasi fotografiche e visioni imprevedibili come scintillanti onde di un torrente tra i sassi.
    Bellissimi gli incipit di alcuni capitoli: la furtiva complicità del “vieni” (In praesentia 1), la banalità di un’evidenza (“sabbia!”) (In praesentia 2), buttati là come un amo tentatore.
    Il vero protagonista è l’amore per Maria Barbara passato dal ricordo di momenti di gioia allo sconforto per la sua prematura e inaccettabile scomparsa. A questo dolore tutto il mondo partecipa, in un gemito universale degno di una lirica greca.
    Questa immensa sofferenza non genera disperazione, ma con una faticosa gestazione fa germogliare sublimi brani per organo e insuperabili suonate per violino, e accompagna Sebastian e tutti noi verso la luce.

Aggiungi una recensione

Ti potrebbe interessare…

Pin It on Pinterest

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di piccoli file (cookie) necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore. Privacy Policy di diastemastudiericerche.org